Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

ASSOCIAZIONE APICOLTORI DELLE PROVINCE TOSCANE CHI SIAMO  CORSI IN PROGRAMMA CORSI IN PROGRAMMA-2 CORSI IN PROGRAMMA-3- CORSI IN PROGRAMMA-4- CORSI IN PROGRAMMA-5- CONVEGNI FIERE E MANIFESTAZIONI FIERE E MANIFESTAZIONI- 2 COME DIVENTARE SOCIO LE API LE API-OPERAIA LE API-FUCO PATOLOGIE DELL'APE PATOLOGIE DELL'APE -2- INSTALLAZIONE DI UN APIARIO-ATTREZZATURA LA NORMATIVA 

LE API-FUCO

IL FUCOI fuchi sono i maschi delle api. Sono più grandi e tozzi delle operaie, lunghi 15 mm circa, ed hanno anche le ali più lunghe. La loro bocca non è adatta a succhiare il nettare e non hanno nelle zampe gli strumenti che servono per raccogliere il polline. Non sono quindi capaci di trovarsi da soli da mangiare e devono essere mantenuti dalle operaie. Non hanno il pungiglione e non si possono difendere. Le loro antenne sono, però, più sofisticate e sensibili agli odori. Collaborano come possono alla vita dell’alveare aiutando nel riscaldamento della covata e trasportando miele all’interno dell’alveare. Il suo compito è quello di fecondare la regina. L’accoppiamento avviene in volo. Dopo essersi unito alla regina il fuco cade a terra e muore. Gli altri fuchi, sono destinati ad essere cacciati via dal loro alveare e morire di fame, oppure uccisi direttamente dalle operaie dopo il periodo dell’accoppiamento. Vive all’incirca una stagione