Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

ASSOCIAZIONE APICOLTORI DELLE PROVINCE TOSCANE CHI SIAMO  CORSI IN PROGRAMMA CORSI IN PROGRAMMA-2 CORSI IN PROGRAMMA-3- CORSI IN PROGRAMMA-4- CORSI IN PROGRAMMA-5- CONVEGNI FIERE E MANIFESTAZIONI FIERE E MANIFESTAZIONI- 2 COME DIVENTARE SOCIO LE API LE API-OPERAIA LE API-FUCO PATOLOGIE DELL'APE PATOLOGIE DELL'APE -2- INSTALLAZIONE DI UN APIARIO-ATTREZZATURA LA NORMATIVA 

LE API-OPERAIA

L'APE OPERAIA L’ape operaia è una femmina sterile. Nell’alveare ne possiamo contare qualche decina di migliaia. Il suo corpo è estremamente versatile infatti essa compie nell’arco della sua vita tutti i lavori necessari nell’alveare. Vive circa 40 giorni d’estate, sopravvive all’inverno durante la brutta stagione. I primi due giorni della vita dell’ape operaia sono dedicati alla pulizia delle celle e al riscaldamento della covata. Dal 3°al 11° giorno di vita, l’ape operaia si occupa di nutrire le larve giovani e adulte. Dal 12° al 17° giorno di vita, l’ape operaia cambia ruolo e produce cera, costruisce nuove parti dell’alveare e immagazzina nelle apposite celle il miele. Dal 18° al 21° giorno di vita, l’ape cambia nuovamente ruolo e si sposta a guardia dell’alveare, diventando una sorta di soldato. Dal 22° giorno di vita in poi, l’ape diventa una bottinatrice: vola fino ai fiori eraccoglie il nettare che servirà per la produzione del miele. La sua vita si conclude attorno al quarantesimo giorno di vita.IL FUCO